Dedicato a…

Come tutte le più belle storie, le premesse di un Museo dell’Infanzia nascevano, quasi per caso, tanti anni fa…

Quando nel Dicembre 1998 si aprivano per la prima volta le porte di Casa Miniggio per accogliere  un  gruppetto di bambine pronte a cimentarsi nell’arte del ricamo, in una stanzetta, con una finestrella aperta sulle nostre montagne, veniva immaginato anche l’allestimento di una piccola aula d’asilo di inizio novecento.

Doveva essere, infatti, il frutto del lavoro di ricerca e di conservazione di Giovanna Fontana, maestra d’asilo per una vita e che, con occhio attento e grande lungimiranza, aveva raccolto tutto quel materiale didattico dei tempi passati che negli anni della ripresa economica veniva buttato al macero per far posto a nuovi e più attraenti sussidi istruttivi.

Dopo pochi anni nasceva quindi la nostra “auletta” che, già fin d’allora nelle intenzioni, voleva sperimentare un modo nuovo di intendere il concetto di museo, divenendo una cosa viva, in cui le voci dei bambini ne fossero il costante sottofondo. E in effetti così è stato, con decine e decine di piccoli visitatori che hanno potuto scoprire come Maria Montessori insegnava ad allacciarsi il grembiulino, come le Sorelle Agazzi educavano all’arte delle piccole mani, o come Froebel premiava i bimbi dell’asilo con i suoi doni…

Ma, con il tempo, anche i musei si interrogano, si trasformano, si rinnovano …

Di qui la necessità di ripensare gesti, parole, racconti, attività svolte in tanti anni di impegno e dedizione per considerare e gestire la nostra piccola “auletta”come parte di un sistema più ampio di relazioni e di percorsi che, proprio grazie ad una nuova narrazione del concetto di museo, diventi comprensibile al visitatore.

L’Associazione Piccola Fata è lieta quindi di presentare questo nuova esperienza di cultura e di dialogo, fatta di ricordi, fatta del lavoro di molti, fatta di bambini … e dedica il Museo dell’Infanzia al ricordo di Giovanna senza la quale, e senza il cui generoso impegno, questa idea forse non sarebbe mai potuta nascere.

I commenti sono chiusi